Definire l’identità di brand è tanto complesso quanto importante: dice chi sei all’esterno ed influenza la presa sul target di riferimento. Vediamo come utilizzare caratteri e colori.

Il tuo obiettivo, come imprenditore, deve essere quello di costruire un’identità di brand forte, che sia il trampolino di lancio per far sì che i tuoi prodotti e servizi siano percepiti dal target di riferimento come la risposta migliore ai loro bisogni.

Detto così, potrebbe sembrarti anche semplice, ma in realtà è un lavoro lungo e complesso, che difficilmente puoi portare a termine in maniera positiva, se non sei estremamente preparato sul tema. Potresti pensare che da imprenditore il tuo compito sia altro: far quadrare i conti, selezionare i giusti professionisti, pensare all’innovazione di prodotto. È vero. Ma non è più sufficiente.

Anche se ti affidi a qualcun altro per creare l’identità di brand della tua azienda, devi essere consapevole ed informato. Da qui nasce la nostra idea di creare un’accademia d’impresa che abbia proprio te come target di riferimento specifico.

Prima di realizzare un brand di successo, devi capire e sapere come si fa.
Il primo passo è sicuramente lavorare sulla brand image quindi:

  • Logotipo
  • Pittogramma
  • Naming
  • Payoff

Sul brand name ti abbiamo già dato alcuni suggerimenti. Ora occupiamoci di come creare l’identità di marchio attraverso caratteri e colori.

Brand identity: immagini, font, colori

Ci sono realtà che hanno costruito la loro identità di brand in maniera così efficace che ogni parte del loro logo è riconoscibile a sé stante.

Questo significa che hanno centrato perfettamente la comunicazione. Vediamo alcuni esempi.

Entrambi non hanno bisogno del testo che li completa per essere riconoscibili. Chiunque sa che queste due immagini rappresentano Apple e Starbucks.

Stesso discorso possiamo fare con il font associato ad altri marchi famosi.

 

Vero, abbiamo preso esempi di colossi. Che però hanno costruito parte della loro fortuna proprio sull’identità di brand, partendo da ciò che è immediatamente visibile, per poi costruire tutta una narrazione, uno storytelling che poggi sui valori che si riconoscono e che sono quelli che il target di riferimento va a cercare.

Quali sono i consigli che possiamo quindi darti se sei all’inizio e devi ancora creare il tuo logo o se l’hai già fatto ma riconosci che manca di caratterizzazione e non sia rispondente all’identità di brand che vuoi costruire?

  1. Cerca di utilizzare un tipo di font che non sia già stato utilizzato da altri marchi, specie se estremamente famosi
  2. Evita di utilizzare molti colori, scegline uno al massimo due, perché la semplicità è quella che paga
  3. Scegli i colori facendo un attento studio del loro significato in comunicazione, capisci su che emozione vuole giocare il tuo marchio e qual è il colore giusto per farlo.

Ti interessa approfondire?

Il 26 settembre 2019 Laccademya organizza un workshop sulla Brand Identity. Scopri di più.