Si sente parlare sempre più spesso di brand, di personal brand, di brand positioning, brand, brand, brand.

In questo articolo parleremo specificatamente dell’importanza della Brand Identity

BRAND IDENTITY: COS’È

Prendiamo una definizione da glossario: la Brand Identity esprime l’immagine che l’azienda vuole dare di sé e dei propri prodotti ai consumatori e ai vari stakeholder di riferimento, cioè l’immagine desiderata e, dunque, rappresenta il messaggio dal versante dell’emittente.

È diversa dalla Brand Image perché quest’ultima rappresenta effettivamente ciò che i consumatori percepiscono del brand. È importante che ci sia coerenza tra le due, altrimenti il messaggio che passa è offuscato e il brand ne risente molto.

La Brand Identity nasce dalla mission aziendale, e traspone appunto i valori del brand.

Nel processo di branding, sono diversi i fattori che entrano in gioco, affinché si palesi ciò che un’azienda vuole comunicare.

Gli elementi minimi, che analizzeremo uno ad uno, sono:

  • Il nome
  • Il Pay Off
  • Il Logo
  • Lo stile e il carattere tipografico

Quanto sopra restando solo agli elementi puramente visivi;

Ma riveste fondamentale importanza anche il tone of voice con cui il brand comunica.

BRAND IDENTITY: PERCHÉ È IMPORTANTE

La Brand Identity, come detto, è uno degli elementi fondamentali per la trasmissione al pubblico dei valori in cui un’azienda crede.

È fondamentale per i brand, perché senza un’identità ben definita è impossibile intercettare il giusto target di riferimento.

Estremizzando, possiamo dire che un brand comunicato male è un brand che non esiste, perché non parlando al mercato cui è destinato, di fatto non vive.

COSA DEFINISCE LA BRAND IDENTITY?

In definitiva l’identità visiva di un brand è definita dalla sua identità interna, e l’identità visiva è il primo punto di contatto tra aziende e stakeholder. Esattamente come quando un candidato si presenta ad un colloquio di lavoro, l’aspetto fisco è il primo touch point, ed è importante ricordare che “Non esiste una seconda occasione di fare una prima impressione”.

BRAND IDENTITY: IL NOME

Inutile girarci intorno: la scelta del nome di un Brand è seconda (forse) solo a quella di un figlio. 

Il nome è un elemento cruciale per il Brand.  

Nella scelta del nome occorre avere una visione di lungo periodo. Immaginare un brand name per un pizzicagnolo, è diverso dal pensare al nome di un brand con cui intendiamo conquistare il pianeta, perché in questo secondo caso dobbiamo considerare anche il potenziale disastro derivante dalle traduzioni.

Vediamo un esempio noto a chi lavora nel settore.

La Vodka è un prodotto russo, come la pasta è tipicamente italiana.

Gli spaghetti sono il tipo di pasta più mangiata in Italia e, di conseguenza, nel mondo.

La Vodka più bevuta in Russia dovrebbe essere senza dubbio la più bevuta nel mondo, ma non è così.

Perché?

La Vodka più bevuta in Russia è la “Kremlyovskaya

Un nome assolutamente impronunciabile in inglese e non solo in inglese.

E qual è la Vodka più bevuta al mondo?

La Smirnoff. Un Vodka fondata in Russia, che a differenza della Kremlyovskaya è più facilmente pronunciabile da chiunque.

BRAND IDENTITY: IL RUOLO DEL LOGO

Il logo è la pietra angolare della Brand Identity, è il biglietto da visita del brand.

È importante che un logo sia:

  • Chiaro
  • Visivamente accattivante: semplice e pulito
  • Classico, non di tendenza. Un logo evolverà sicuramente nel tempo, ma non può essere pensato per durare solo 6 mesi.

Un logo deve essere distintivo, in modo da poter essere facilmente riconosciuto e semplice da funzionare su più media.

L’attenzione media di un utente è ormai ridotta ai livelli di un pesce rosso, pertanto un Logo è assolutamente fondamentale, soprattutto in fase di acquisizione nuovi prospect.

Colori, toni e caratteri danno vita alla storia che stai cercando di raccontare, e il tuo logo prepara il terreno per questa storia.

BRAND IDENTITY
L’inconfondibile logo Apple

BRAND IDENTITY: IL PAY OFF

Il pay off è quell’elemento verbale (o frasetta) che accompagna un logo, e spesso chiude le campagne pubblicitarie.

Per farla breve, ecco dei pay off famosi.

brand identity importante blog laccademya
Foto da SEMrush

Qualsiasi pay off per funzionare, deve assolutamente rispettare alcune regole:

  • Deve essere Sintetico. In pochissime parole deve comunicare la filosofia del brand
  • Deve essere Semplice da capire
  • Deve essere Memorabile.
  • Deve essere Distintivo.

Gli altri elementi che concorrono al completamento della Brand Identity sono:

  • La Vision
  • La Mission
  • Il packaging

 BRAND IDENTITY: LA VISION E MISSION

Vision e Mission sono due elementi fondamentali, perché rappresentano di fatto il nord, la cometa che l’azienda deve seguire per porre in essere la propria strategia di branding.

Spesso si confondono, ma Mission e Vision sono due concetti estremamente diversi.

La principale differenza è che mentre la Mission lavora sul presente, mentre la Vision, come si può dedurre dal termine stesso, è una previsione su quello che l’azienda sarà nel futuro, in relazione al mercato in cui opera.

Un esempio di mission imperitura è quella della Disney:

The mission of The Walt Disney Company is to entertain, inform and inspire people around the globe through the power of unparalleled storytelling, reflecting the iconic brands, creative minds and innovative technologies that make ours the world’s premier entertainment company.

In relazione a questa Mission, la Vision di The Walt Disney Company è, semplicemente – si fa per dire – rendere le persone felici.

BRAND IDENTITY: IL PACKAGING

Il packaging è, in estrema sintesi, il modo in cui un prodotto viene “presentato” ai consumatori.

Il packaging, quindi, si riferisce a tutte quelle attività che vanno dalla progettazione alla produzione del “contenitore” di un prodotto.

Al giorno d’oggi il packaging non si limita al semplice contenitore proteggi urti, ma è un vero e proprio (e potentissimo) strumento di Marketing.

Con questo straordinario esempio di packaging, il russo Nikita Konkin, fu premiato con il prestigioso Golden A’ Design Award.

brand identity importante blog laccademya
“Good Hair Day Pasta” di Nikita Konkin

BRAND IDENTITY: CONCLUSIONI

Sulla Brand Identity sono stati scritti diversi libri e si potrebbero scrivere interi trattati, abbiamo cercato di riassumere gli aspetti fondamentali.

In conclusione possiamo dire che la Brand Identity è il volto di un brand. Così come un volto trasmette emozioni, un brand deve essere in grado di fare altrettanto, nella mente dei propri stakeholder, perché al di là del design, dei colori e dei testi, sono le emozioni quelle che restano.

Per sempre.